A casa, nel mondo

Nell’ambito del nostro Osservatorio “Brexit”, pubblichiamo una rubrica dedicata agli aggiornamenti e alle novità principali in merito ai negoziati sulla Brexit.

Ultimi aggiornamenti sul dialogo tra Unione europea e Regno Unito: al centro del dibattito resta la questione irlandese

L’accordo tra Londra e Bruxelles sulla Brexit potrebbe essere vicino dall’essere concluso, ma restano da definire questioni cruciali.

E’ quanto affermato dal negoziatore per l’UE Michel Barnier, il quale, “ricordando che il lavoro decisivo deve essere terminato in tempo per il Consiglio europeo della prossima settimana”, ha informato la Commissione europea nell’ambito di un fitto programma di colloqui in vista del vertice di mercoledì 17 ottobre. Secondo Barnier, l’80% delle questioni relative al contratto di uscita è stato concordato, ma resta aperto uno dei temi più spinosi: la questione del confine irlandese.

Se, da una parte, né il governo britannico né tantomeno l’Unione europea vogliono un hard Irish border, d’altra parte la questione irlandese resta tutt’altro che risolta, dal momento in cui il Regno Unito intenderebbe uscire dall’unione doganale.

I negoziati sono andati avanti “giorno e notte” durante tutta la seconda settimana di ottobre e dovrebbero proseguire per il resto del weekend, con l’auspicio di trovare una soluzione in vista dell’imminente vertice a Bruxelles.

Nel frattempo oltremanica, mentre i leader europei si dichiarano – pur se cautamente – speranzosi di poter annunciare un progresso decisivo, il clima sembra farsi sempre più teso, con Theresa May che si vede nella delicata posizione di dover far fronte ai malumori del DUP (Democratic Unionist Party, che appoggia il governo di minoranza della May), il quale ha avvertito di essere pronto a votare contro il bilancio nazionale “se l’accordo sul divorzio dovesse significare che l’Irlanda del Nord sarà trattata separatamente dal resto del Regno Unito”.

Se gli ultimi negoziati in corso dovessero portare ad un risultato positivo, questo dovrà dunque essere valutato dal Consiglio europeo (Articolo 50) del 17 ottobre, per poi proseguire, secondo quanto affermano fonti diplomatiche e di stampa, in un Consiglio straordinario a metà novembre.

Per rimanere sempre aggiornati e ricevere le ultime novità due volte a settimana, è possibile iscriversi alla nostra Rassegna stampa “Brexit” seguendo questo link.