A casa, nel mondo

ITACA aderisce alla campagna europea “Welcoming Europe: per un’Europa che accoglie”

La campagna “Welcoming Europe” consiste in una raccolta firme a livello europeo promossa tramite un’Iniziativa dei cittadini europei (ICE) e finalizzata a sottoporre alla Commissione Europea una proposta di atto legislativo in materia di competenza dell’Unione europea – in questo caso, in materia di accoglienza e immigrazione.

Il testo della campagna presenta tre punti chiave che rispondono ai principi ed ai valori presenti nel Trattato di Lisbona, nella Carta Europea dei Diritti Umani e nella nostra Costituzione:

1. Salvare vite non è reato – Vogliamo decriminalizzare la solidarietà

In ben 12 paesi dell’Unione Europea distribuire alimenti e bevande, dare un passaggio, comprare un biglietto o ospitare un migrante sono comportamenti per cui è possibile ricevere una multa o addirittura essere arrestati dalle autorità. Punire questi comportamenti significa punire l’aiuto umanitario e riconoscere il reato di solidarietà.

2. Liberi di accogliere – Vogliamo creare passaggi sicuri

Dal 1990 a oggi sono morti più di 34 mila migranti nel tentativo di raggiungere via mare l’Europa. L’apertura di vie d’accesso legali e sicure verso paesi disposti ad accogliere rappresenta spesso la sola opportunità di protezione per richiedenti asilo e rifugiati. 

3. I diritti umani sono inviolabili – Vogliamo proteggere le vittime di abusi

Molti migranti sono vittime di sfruttamento lavorativo, abusi o violazioni dei diritti umani, in particolare alle frontiere, ma trovano grandi difficoltà nell’accesso alla giustizia. Eppure tutte le persone, indipendentemente dalla loro condizione, devono essere tutelate

Con la nostra adesione, ci impegniamo non solo nella raccolta firme, ma anche nel riaffermare e diffondere la cultura dell’accoglienza e della solidarietà. Solidarietà tra persone e solidarietà tra Stati, per contrastare e denunciare le politiche di discriminazione e di razzismo diffuse in Italia e in altri Paesi europei che, se non combattute e sostituite con politiche alternative di apertura, mettono a rischio la democrazia, i diritti e le libertà.

L’obiettivo di raccolta delle firme per l’Italia è di 54.700 firme, da raccogliere entro la fine di gennaio 2019.

La campagna è promossa da una coalizione organizzazioni della società civile e sostenuta da numerose associazioni, organizzazioni e sindacati italiani, tra cui la CGIL.

Aderisci alla campagna, firma anche tu! Clicca qui.

Ulteriori informazioni sul sito welcomingeurope.it